Memorie d’Argentina

C’è un filo invisibile che attraversa l’oceano e le generazioni e ci incatena alle storie del tango. E poco importa se non siamo mai stati a Buenos Aires, se non lo sappiamo ballare, se non abbiamo mai messo piede in una milonga… basta un accordo lungo, il respiro di una fisarmonica o di un bandoneon per aprirci a nostalgie inaspettate, a un inspiegabile sentimento di malinconia distante.
Forse il tango ci riguarda più di quanto immaginiamo e per istinto riconosciamo in quelle note un passato di cui portiamo le cicatrici, un passato di emigrazione, di grandi speranze e vita di periferia.
A quelle storie lo spettacolo vuole dare voce, con gli strumenti affabulanti del teatro di narrazione e le note di un accordeon solo.
La storia contaminata, meticcia del tango si dipana attraverso una narrazione personale e si intreccia con le speranze di un’immigrata siciliana di inizio secolo, approdata in una Buenos Aires multietnica, dove l’incontro tra culture diverse genera, dalla marginalità di periferie, un linguaggio di bellezza e portata universale.
Le note di tanghi famosi e meno noti intessono la colonna sonora che, protagonista del racconto, dialoga con la narrazione fra Gardel, Piazzolla, Borges, compadritos e prostitute.

Isabella Dapinguente – Testo e narrazione
Claudio Ughetti – Accordeon

Copyright © Claudio Ughetti, Fisarmonicista, Musicista, Autore. All Rights Reserved.

Graphic Design Nicolo Ughetti